Associazioni Sportive: evitiamo il caos

CONI

Il Coordinamento Nazionale degli Enti di Promozione Sportiva in un incontro con il Coni, ha esposto al Dott. Roberto Fabbricini una serie di proposte al fine di evitare che l’associazionismo sportivo, finisca nel dimenticatoio lasciando gli addetti ai lavori nel caos. Le Associazioni che svolgono attività sportive con finalità sociali, che non rientrano nelle direttive di settore o fra le discipline di tipo federale e agonistico, si sentono minacciate.

All’incontro il Coordinamento ha proposto i seguenti punti:

  1. Posticipazione al 1° gennaio 2018 il termine ultimo per l’entrata in vigore del nuovo Registro per il riordinamento delle discipline dilettantistiche.
  2. Accettazione dell’elenco delle discipline sportive dilettantistiche di base, che il Coordinamento ha sottoposto al Segretario Generale del Coni. Che secondo gli Enti, queste discipline elencate rientrano tra quelle della base associativa.
  3. Inoltre la creazione di un tavolo di discussione tecnico permanente tra il Coni e l’Eps con finalità di studio e valutazione delle nuove discipline sportive.

Il risultato è stato quello di un impegno del Segretario Generale a un incontro molto presto fra l’Ufficio di Presidenza del Coordinamento e il Presidente del Coni, il Dott. Giovanni Malagò, per un’attenta valutazione di questa situazione nel suo complesso. Gli Enti al momento sono fiduciosi e restano in attesa di sviluppi e delle decisioni del Coni.

Associazioni in attesa tra fiducia e sconforto

Certamente la situazione non è delle migliori, a peggiorare il tutto anche la situazione economica che a quanto pare non soddisfa il moloch europeo, e quindi si prefigura la solita ricetta ammazza paesi, più tagli alle risorse e investimenti, e maggiore pressione fiscale.

Guadagnare tempo sicuramente sarà utile per avere almeno qualche speranza in più di cambiamento, soprattutto che arrivi anche il supporto sperato dagli Enti interessati, per ora non resta che attendere, anche se molti pensano solo che sia meglio piangere.

La speranza è l’ultima a morire, dicono!

Menu

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull’uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Per maggiori informazioni consulta l’informativa cookie.