Associazioni sportive sempre nel mirino

Automobile della Guardia di Finanza

È del 16 agosto la notizia, dove a Treviso è iniziata la “guerra al nero”, ovviamente non ha a che fare con questioni razziali, ma contro il nero ipotizzato dalle istituzioni spalleggiate questa volta anche dalla CGIL, in altre parole quel sindacato che dovrebbe difendere chi lavora, accusa le Associazioni.

Sembra un “noir” di fine estate, eppure è la realtà del momento, la Guardia di Finanza ha avviato controlli a tappeto su tutto ciò che fa sport a Treviso e Provincia, hanno escluso solo gli album delle figurine! Non è altro che l’ennesimo attacco alle Associazioni Sportive Dilettantistiche e affini iniziato quest’anno, che come abbiamo detto in passato, per la categoria il 2017 è diventato un “annus horribilis”.

Controlli meticolosi ma perché?

Certo, quant’anche ci fosse del marcio e sicuramente ce ne, il problema dell’evasione, elusione, nero e grigio vario non saranno certo le Associazioni il problema dell’Italia. Se poi consideriamo la missione che svolgono, lo Stato indirettamente ha dei grossi benefici, basti pensare il risparmio per il sistema sanitario di quanti si tengono in forma proprio grazie alle Associazioni Sportive, tanto per fare un esempio.

Il focus di tanto accanimento probabilmente non è neppure l’evasione, il nero ecc …, ma fa pensare a un progetto di riduzione o annientamento dell’associazionismo sportivo a favore di nuove strutture private … a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca! CIT.

Che succederà allo sport

Qualche mutamento c’è già stato, da quando è iniziata questa “nuova inquisizione sportiva”, alcune Associazioni hanno chiuso i battenti, altre hanno ridotto le attività e molte altre che avevano progetti pronti all’avvio stanno desistendo a causa di quest’ondata turbolenta.

Certo le false no profit ci sono e molte sono state scoperte e fatte regolarizzare o chiudere, del resto come accade un po’ in tutti i settori, ma “stressare” tanto un settore, specie quello dello sport promosso dalle Associazioni Sportive, è surreale, assurdo se consideriamo che tutto questo caos vada avanti da quasi un anno.

Magari se anche il sindacato stesse una buona volta dalla parte giusta, chissà, forse aiuterebbe a far emergere il sano dell’associazionismo aiutando nel contrasto di chi invece specula danneggiando tutti!

Menu

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull’uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Per maggiori informazioni consulta l’informativa cookie.