Fatturazione elettronica anche per Associazioni Sportive e Enti del Terzo Settore

Fatturazione elettronica

La fatturazione elettronica è ormai un dato di fatto e un cambiamento che coinvolge moltissimi tipi di attività. Saranno chiamate in causa persino le Associazioni Sportive Dilettantistiche, le Associazioni no profit e gli Enti del Terzo Settore.

Diventerà obbligatoria a partire dal 1° gennaio 2019: da quel momento, la fattura elettronica tra privati o la fattura B2B non sarà più un’esclusiva delle aziende o attività commerciali.

(In fondo all’articolo, l’aggiornamento con le novità sull’esonero – 30 novembre 2018)

Che cos’è la fatturazione elettronica?

La fattura elettronica non è altro che una normale fattura, che sostituisce la vecchia forma cartacea. È trasmessa telematicamente in formato XML.

Per emetterla si utilizzano appositi sistemi informatici, che convertono la normale fattura in XML – oppure la creano da zero – seguendo i tracciati previsti dall’Agenzia delle Entrate. Per firmare la fattura elettronica prima di inviarla, si utilizza la firma digitale.

Come inviare la fattura elettronica?

Per inviare la fattura elettronica si possono scegliere 3 metodi:

  • Invio tramite codice XML con apposizione di firma digitale. Se si sceglie questo sistema, è necessario inviare il documento in modo manuale all’Agenzia delle Entrate.
  • Invio tramite PEC. In questo caso si utilizza il codice XML generato da un apposito programma. È necessario poi inserire la firma digitale e inviare la fattura tramite la PEC dell’Agenzia delle Entrate.
  • Invio tramite il sistema di interscambio denominato SID. Per questo terzo metodo si utilizza sempre il sistema XML e il documento si deve firmare digitalmente con invio automatico. Il SID consente l’invio di documentazione amministrativa tra aziende, enti e società. Il funzionamento di questo sistema segue un preciso regolamento.

Come si riceve il flusso passivo di fatture elettroniche?

Per ricevere le fatture dei fornitori, ovvero il ciclo passivo della fatturazione elettronica, si procede con le seguenti modalità:

  • Si può scaricare il file direttamente dalla pagina web dell’Agenzia delle Entrate. In seguito, si andrà a “tradurre” il documento XML, utilizzando un apposito software.
  • Si può scegliere di ricevere le fatture via PEC e utilizzare un convertitore di file.
  • Si può usare il SID per tradurre la fattura elettronica ricevuta, visionarla e poi stamparla se si desidera conservare il cartaceo in archivio.

Come funziona la fatturazione elettronica per le Associazioni con Codice Fiscale?

Per le fatture emesse da associazioni che utilizzano solo il codice fiscale (e quindi prive di Partita Iva), è necessario creare una fattura elettronica come tutte le altre imprese, in cui l’Iva dovrà essere aggiunta al costo dei prodotti o dei servizi.

Le fatture si potranno ricevere tramite l’Agenzia delle Entrate, scaricando i documenti amministrativi dalla pagina dedicata, e saranno in formato XML. Necessiteranno quindi di decodificazione. Un altro metodo valido per associazioni con codice fiscale si concretizza nella ricezione delle fatture tramite uno specifico software (attraverso il quale si ricevono e si inviano fatture).

Tale obbligo vale anche per le associazioni in regime agevolato, che dovranno provvedere a recuperare ogni fattura per tenere il conteggio amministrativo.

Ultimo aggiornamento: esonero dalla fatturazione elettronica per ASD e SSD

(fonte di riferimento: http://www.ambrosiepartners.it/articolo.php?id_articolo=708 )

30 novembre 2018 – La commissione Finanza del Senato ha dato la sua approvazione per l’emendamento che prevede l’esonero dall’obbligo della fatturazione elettronica per ASD e SSD con affiliazione a Enti nazionali di Promozione Sportiva o Federazioni Sportive Nazionali, in regime Iva e regime 398/1991. Sono esonerate, però, solo le società e associazioni i cui proventi commerciali dell’anno precedente non hanno superato i 65.000 euro (in riferimento al 2018, dato che l’obbligo entrerà in vigore nel 2019). In questa situazione, le fatture potranno essere in formato analogico, altrimenti potranno essere emesse solamente in formato digitale e non direttamente dall’Associazione o Società, ma da un committente o cessionario per conto della struttura. Dopo questa notizia, non possiamo fare altro che attendere ulteriori aggiornamenti.

Menu

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull’uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Per maggiori informazioni consulta l’informativa cookie.